L’arte di andare via

Bisogna essere capaci di andar via dalle situazioni. Naturalmente non sto parlando dell’omino delle barzellette che esce a comprare le sigarette e non torna più. Non si risolve nulla lasciando moglie e figli per trasferirsi a Tahiti. Anche perché comunque ci portiamo via noi stessi, con tutte le nostre convinzioni, e presto o tardi creeremo di nuovo una situazione che ci porterà a uscire per comprare le sigarette.

Cosa significa quindi “andare via”? E’ ovvio che non si “va via” fisicamente. O almeno, non solo. Bisogna infatti considerare che la realtà non esiste, o per essere più precisi è frutto di una nostra percezione, è chiaro che se ci troviamo in una situazione “negativa”, (cioè, che non ci piace) pensare continuamente a quella situazione non ci porterà molto lontano.

Occorre appunto “andare via”, cioè cominciare ad esplorare alternative. Il mondo, infatti, è decisamente vasto. C’è sempre qualcosa di nuovo da imparare. Anzi, direi che il nostro compito come esseri umani è proprio quello: apprendere e comprendere il più possibile. Non esiste un punto d’arrivo che ci consenta di sederci sugli allori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.