Arte vs Business

Mi è tornata in mente una bellissima persona, Renato Corrieri, a suo tempo titolare di una galleria d’arte a Livorno a cavallo, se la memoria non mi inganna, tra gli anni Ottanta e i Duemila. Ho avuto con lui diverse gustose conversazioni, e in questa occasione mi piace ricordarne una in particolare.

Il buon Corrieri, va detto, era un piccolo Mecenate, che dava spazio ad artisti giovani, sia di età che di spirito, che sperimentavano come se non ci fosse un domani. Ne venivano fuori anche delle cosine davvero stimolanti. Soltanto, l’anziano gallerista si lamentava del fatto che “il pubblico” (cioè, in definitiva, “il mercato”) voleva opere di altro tipo.

Colsi una simpatica contraddizione in tutto questo. Pensai: ma alla fin fine, che cosa vogliamo? Fare arte o fare business?

Per carità, non che le due cose siano sempre e necessariamente in contraddizione tra di loro. Ci sono casi eclatanti che ce lo confermano. Solo che si tratta di due approcci completamente diversi. Da quel che ne capisco io, fare “arte” vuol dire sperimentare, ricercare. Attività che non prendono in considerazione i gusti di un eventuale “pubblico”, e tantomeno di un’altrettanto eventuale “mercato”.

Il business, invece, vive proprio di “pubblico” e di “mercato”. Ovvero, non puoi (o per essere più precisi non è una buona idea) fare quello che ti pare, o anche semplicemente seguire la tua ispirazione. Devi fare degli studi su quello che vuole il tuo cliente finale… e darglielo come vuole lui, non come vuoi tu.

Le due cose non si inrociano mai? Certo che sì. Ci sono casi di artisti veri che, per diversi motivi, hanno incontrato i gusti di “pubblico” e “mercato”. Penso a Picasso e Dalì, che divennero l’equivalente di quelle che chiamiamo “rockstar”. C’era magari di mezzo un po’ di marketing artigianale anche da parte degli stessi artisti, ma dal momento che anche il marketing è arte, possiamo dire che questi geni hanno usato al meglio le loro capacità comunicative.

C’è poi il business, puro e semplice. Quello dove non c’è “ricerca” nel senso artistica del termine. Il “prodotto”, l’obiettivo non è la sperimentazione, ma il profitto. Un punto di vista assolutamente legittimo, ma che almeno in generale non ha niente a che vedere con l’arte.

Quale dei due approcci deve scegliere un artista?

Prima di tutto, abbiamo visto che esiste anche la possibilità di incrociarli. Cioè: l’artista può fare il suo gioco, e poi trovare il modo di attrarre l’attenzione del pubblico, creando interesse, e possibilmente anche valore, attorno alle loro opere. E probabilmente è questa la situazione più interessante.

Oppure, come a volte succede nel cinema, si producono alcuni film cosiddetti “di cassetta”, e con una parte del ricavato si producono pellicole di spessore, ma che probabilmente non renderanno altrettanto. Così, anche l’artista può produrre opere calibrate sul gusto del pubblico per fare “cassetta”, e poi dedicarsi a quello che veramente vuol fare. Spesso succede anche con i musicisti, che producono canzonette nella prima parte della loro carriera, per poi passare alle sperimentazioni che li interessano veramente.

Possiamo quindi scegliere una delle infinite sfumature tra pura arte e puro business. Come sempre, anche qui scende in campo la respons-abilità dell’artista, unico vero gestore della propria vita e della propria arte.

Una spruzzata di gioia

E’ abbastanza controproducente vivere con una vibrazione negativa, ad esempio essere di “cattivo umore“. In questo modo, infatti, continuiamo ad attirare situazioni che ci confermano l’idea che il mondo è un postaccio, e rimaniamo presi nella spirale negativa, nel cane o nel serpente che si morde la coda.

In questo senso, ci possono essere utili tutte le tecniche che ci aiutano ad alzare il livello della nostra vibrazione, del nostro umore, se vogliamo chiamarlo così. In particolare, trovo molto utili le metafore. Oggi voglio parlarvi della “spruzzatina di gioia”.

Alla parola “spruzzatina”, almeno per me, corrisponde abbastanza immediatamente l’immagine della bomboletta spray. Probabilmente, per una persona vissuta nell’Ottocento, sarebbe stata più attinente una pompetta, ma tant’è. Nel tempo, anche le metafore si trasformano.

Dicevamo dunque della metafora della bomboletta spray. Il meccanismo è abbastanza semplice. Quando sentiamo che il senso di sfiga si impossessa di noi, immaginiamo di prendere una bomboletta spray etichettata “GIOIA” e….. pssssss! diamo una spruzzatina.

Naturalmente, non è che tutti i nostri problemi si risolvano come per incanto. Il mondo materiale è denso, e ci mette un tantino a cambiare. Però sarete d’accordo con me che utilizzando questa semplice immagine, per quanto strano possa sembrare, cambiano, e non di poco, le nostre prospettive, le premesse di quello che accadrà di lì in avanti.

Perché di questo alla fine si tratta. Se manteniamo il nostro cattivo umore, continueremo a notare aspetti negativi della realtà, con il rischio di attivare o proseguire una spirale negativa. Se invece sviluppiamo la respons-abilità, cambiando il nostro umore, il nostro livello di vibrazione, allarghiamo la nostra percezione, possiamo vedere ulteriori soluzioni ai nostri problemi, alle nostre sfide, e ci mettiamo in grado di ottenere risultati molto, molto interessanti.

La fine dell’incubo

A volta capita di vivere in un incubo. O di essere convinti di viverci, che alla fine è lo stesso. Se vogliamo dare una svolta alla nostra vita, il primo passo è svegliarsi. Se necessario, scrollarsi di brutto.

C’è un episodio di Star Trek – The Next Generation intitolato Il Gioco. Si tratta, secondo me, di uno tra i più claustrofobici e inquietanti, ma anche più stimolanti, della serie. L’equipaggio dell’Enterprise viene soggiogato da una popolazione aliena per mezzo di un congegno da applicare agli occhi che sembra un gioco ma in realtà agisce sul ragionamento profondo di chi lo usa, riprogrammando la sua mente a favore degli alieni e spingendolo a far usare il congegno anche a chi lo circonda.

Nella scena madre dell’episodio, Wesley Crusher è ormai l’unico ancora in possesso delle proprie facoltà mentali.Anche lui sta per soccombere quando interviene il comandante Data. L’androide, disattivato dagli altri membri dell’equipaggio ma riattivato a suo tempo da Crusher, risveglia tutti grazie a un semplice ma efficace mezzo: una luce stroboscopica.

Ritengo che questa sia in definitiva (anche) una metafora di quello che “il mondo” fa a noi tutti giorno dopo giorno. In questo caso “il gioco” non è altro che quello che per altri versi si può definire “tran tran” . Le piccole grandi cose che “dobbiamo” (o “pensiamo di dover”) fare: andare al lavoro (o cercarlo), pagare le bollette, preoccuparsi per il futuro.

Qualcuno potrà dire: David, ma mi stai suggerendo di fregarmene bellamente di tutto ciò? “La vita” è questa!

A parte il fatto che no, “la vita” non è questa, o meglio non solo questa, è anche vero che abbiamo delle responsabilità verso noi stessi, ed eventualmente verso la nostra famiglia. “Il gioco” è coinvolgente, esigente, e spesso “arriviamo a sera che siamo degli stracci”. Quindi, in qualche modo siamo stati “condizionati dagli alieni”. E dunque? Può essere utile, come spesso accade, un mutamento graduale.

Tornando alla trama del telefilm, occorre che il buon Data arrivi in nostro soccorso con la sua luce stroboscopica, svegliandoci dal condizionamento. Il bello è che possiamo essere noi stessi ad incarnare il simpatico androide. Anche qui, come sempre, si tratta di creare un’abitudine nuova, creandoci spiragli sempre più ampi per uscire dall’incubo.

Quando il lavoro non ci piace

In linea di massima, non dovremmo fare un lavoro che non ci piace. So che come affermazione è un po’ forte, ma se ci fermiamo un attimo a riflettere, converrete con me che è vera. Un lavoro che non ci piace ci condanna a una vita di infelicità.

Semplicemente, la maggior parte delle nostre energie se ne va nel sopportare il lavoro quando ci siamo, e nel pensare a quanto è pesante il lavoro quando non ci siamo. Il che è molto ma molto peggio che passare un periodo di relativa ristrettezza economica mentre ci impegniamo affinché la nostra passione produca reddito.

Esiste naturalmente un’altra possibilità, meno drastica. Farci piacere il lavoro che stiamo facendo. Ovvero, concentrarsi sugli aspetti più interessanti e diventarne esperti. Insomma, prendersi la “respons-abilità” della nostra vita.

Questo può essere fatto in qualsiasi lavoro, per quanto lo consideriamo “disgraziato” e “umile”. Concentrarsi sugli aspetti interessanti del proprio lavoro, approfondirli e diventare sempre più abili migliora la qualità della nostra vibrazione. Siamo più energici in tutti gli ambiti della nostra esistenza.E questo ci aiuta ad avere chiarezza di intenti, e di conseguenza ad essere felici.

A volte capita che anche il lavoro che in genere ci piace, non ci piaccia. Succede in genere quando arriviamo a un pelo da un traguardo importante, tipo una promozione, e per qualche motivo lo manchiamo. Mediamente, in queste situazioni viene spontaneo covare del risentimento. La mia esperienza però mi dice che, ahimè, non è la soluzione più efficace, perché ci priva di energia, mentre per raggiungere l’obiettivo ci occorre tutta l’energia di cui possiamo disporre.

Posso dirti come reagisco io in simili situazioni.. Continuo a lavorare con il massimo dell’entusiasmo possibile, concentrandomi sul fare il lavoro meglio che posso. e staccandomi quanto posso dal risentimento che prova il mio ego, il mio bambino imbronciato perché gli hanno rubato le caramelle. Statisticamente, questo mi è sempre servito per sbloccare la situazione.

La premessa nel mio caso è che il mio lavoro mi piace a prescindere, e vedo promozioni et similia solo come un’eventuale conseguenza piuttosto che come una meta in sé e per sé.

In un punto dello spaziotempo…

Sto trovando molto utile una strategia che sto mettendo in atto da un po’ di tempo. Sono sempre più convinto che vivere bene consista nel mettere in ordine le cose da fare, mettendo in equilibrio quelle che dobbiamo fare con quelle che vogliamo fare.

Il che non è semplice, come ben sappiamo. Nella nostra società siamo costantemente bombardati dagli stimoli più svariati. Il che fa si che più spesso che no perdiamo di vista cosa vogliamo veramente.

Ebbene, la tecnica che sto usando in questo periodo – e che mi sta dando discrete soddisfazioni – può essere usata quando ci viene in mente qualcosa di importante ma non urgente, a cui in quel momento non possiamo prestare la dovuta attenzione.

Si tratta di una tecnica un po’ paradossale, nel senso che di solito la cultura dominante ci impone di fare tutto subito. Magari le prime volte che la adopereremo potrà accadere di sentirsi un po’ a disagio. Questa sensazione però verrà più che compensata dall’energia che andremo a recuperare.

Qual è dunque questa tecnica? Dato un qualsiasi obiettivo che non è possibile raggiungere in quel preciso momento, o al quale per i motivi più svariati non posso prestare attenzione, uso la mia immaginazione per figurarmi che sicuramente, in un dato punto dello spazio-tempo, verrà sicuramente realizzato.

Naturalmente, si tratta di un’opinione come un’altra, di un giudizio esattamente uguale agli altri che siamo abituati a dare nel corso della nostra vita. La differenza sta nel fatto che un giudizio, un’opinione di questo tipo attiva risorse molto più potenzianti. Aumentano infatti di parecchio le possibilità che dapprima troviamo i pezzi del puzzle, e poi che i pezzi del puzzle si incastrino a formare un’immagine chiara e definita della nostra meta.

Quando compro un’azione

Posto che secondo me non esiste un metodo perfetto per capire quando acquistare un strumento finanziario. e tantomeno quando venderlo, ecco come mi comporto personalmente quando si tratta di comprare azioni, quello che qualcuno chiama con termine molto “oh yeah” lo “stock picking”. Fondamentalmente, compro un’azione in due casi:

  1. Vado sul listino, e vedo che il titolo Tizio segna una variazione negativa consistente. Cosa vuol dire consistente? Dipende. In genere, più capitale ho investito, maggiore deve essere la variazione perché la ritenga interessante. In genere si va dal 2% in su. Il calcolo è semplice: dal momento che opero quasi solo su titoli dei listini principali (Ftse Mib in Italia, talvolta Londra, Madrid e New York) è probabile che questa oscillazione sia provocata da fattori che poco hanno a che vedere con i fondamentali dell’azienda, e che quindi il titolo ritorni, presto o tardi al suo prezzo naturale, che in genere è la media tra il massimo e il minimo
  1. Quando sui media appare la notizia che il titolo Caio “crolla”. In particolare quando l’azienda Caio ha dei buoni fondamentali (ad esempio, possiede molti immobili, molti brevetti etc.). E’ molto probabile, in quel caso, che l’azienda si riprenda più o meno velocemente dall’evento che ha provocato il crollo (e dal conseguente clamore mediatico). Il calcolo in questo secondo caso è: molti avranno venduto spinti dal panico, il prezzo sarà dunque sceso. Io nel frattempo ho comprato. Poi, quando (fatalmente) il clamore mediatico si placa, e il pubblico (altrettanto fatalmente) si sarà dimenticato dell’accaduto, l’azione tornerà a risalire.

Goldoni e la motivazione

Alessandro Longhi – Ritratto di Carlo Goldoni (c 1757) Ca Goldoni Venezia – Close-up

A volte si trovano spunti nei posti più impensati. Di solito siamo convinti che lo studio sul pensiero umano sia iniziato solo di recente, e invece… Vi propongo un estratto da una commedia di Carlo Goldoni, Il ritorno dalla villeggiatura.

ATTO SECONDO, SCENA SETTIMA

Camera in casa di Filippo.

Giacinta e Brigida, poi il Servitore.

BRIGIDA: No, signora, non occorre dire: dirò, farò, così ha da essere, così voglio fare. In certi incontri non siamo padrone di noi medesime.

GIACINTA: E che sì, che in un altro incontro non mi succederà più quello che mi è succeduto?

BRIGIDA: Prego il cielo che così sia, ma ne dubito.

GIACINTA: Ed io ne son sicurissima.

BRIGIDA: E donde può ella trarre una tal sicurezza?

GIACINTA: Senti: convien dire che il cielo mi vuol aiutare. Nell’agitazione in cui era, per cercare di divertirmi ho preso un libro. L’ho preso a caso, ma cosa più a proposito non mi potea venir alle mani; è intitolato: Rimedi per le malattie dello spirito. Fra le altre cose ho imparato questa: Quand’uno si trova occupato da un pensiere molesto, ha da cercar d’introdurre nella sua mente un pensier contrario. Dice che il nostro cervello è pieno d’infinite cellule, dove stan chiusi e preparati più e diversi pensieri. Che la volontà può aprire e chiudere queste cellule a suo piacere, e che la ragione insegna alla volontà a chiuder questa e ad aprire quell’altra. Per esempio, s’apre nel mio cervello la celletta che mi fa pensare a Guglielmo, ho da ricorrere alla ragione, e la ragione ha da guidare la volontà ad aprire de’ cassettini ove stanno i pensieri del dovere, dell’onestà, della buona fama; oppure se questi non s’incontrano così presto, basta anche fermarsi in quelli delle cose più indifferenti, come sarebbe a dire d’abiti, di manifatture, di giochi di carte, di lotterie, di conversazioni, di tavole, di passeggi e di cose simili; e se la ragione è restia, e se la volontà non è pronta, scuoter la macchina, moversi violentemente, mordersi le labbra, ridere con veemenza, finché la fantasia si rischiari, si chiuda la cellula del rio pensiero, e s’apra quella cui la ragione addita ed il buon voler ci presenta.

BRIGIDA: Mi dispiace non saper leggere; vorrei pregarla mi permettesse poter anch’io leggere un poco su questo libro.

GIACINTA: Hai tu pure de’ pensieri che ti molestano?

BRIGIDA: Ne ho uno, signora, che non mi lascia mai, né men quando dormo.

GIACINTA: Dimmi qual è, che può essere ch’io t’insegni qual cellula devi aprire per discacciarlo.

BRIGIDA: Egli è, signora mia, per confessarle la verità, ch’io sono innamoratissima di Paolino, ch’ei mi ha dato speranza di sposarmi; ed ora è a Montenero per servizio del suo padrone, e non si sa quando possa tornare.

GIACINTA: Eh! Brigida, questo tuo pensiere non è sì cattivo, né può essere sì molesto, che tu abbia d’affaticarti per discacciarlo. Il partito non isconviene né a te, né a lui. Non ci vedo ostacoli al tuo matrimonio; basta che, senza chiudere la cellula dell’amore, tu apra quella della speranza.

BRIGIDA: Per dir la verità, mi pare che tutte e due sieno ben aperte.

SERVITORE: Signora, vengono per riverirla la signora Vittoria, il signor Ferdinando ed il signor Guglielmo.

GIACINTA: (Oimè!). Niente, niente, vengano. Son padroni.

SERVITORE (parte.)

BRIGIDA: Eccoci al caso, signora padrona.

GIACINTA: Sì, ho piacere di trovarmi nell’occasione.

BRIGIDA: Si ricordi della lezione.

GIACINTA: L’ho messa in pratica immediatamente. Appena volea molestarmi un pensier cattivo, l’ho subito discacciato pensando al signor Ferdinando, che è persona giocosa, che mi farà ridere infinitamente.

BRIGIDA: Rida e scuota la macchina, e si diverta.

Il testo è del tardo Settecento. Eppure Giacinta ha nella sua biblioteca un libro che si intitola Rimedi per la malattia dello spirito. Wow! Siamo di fronte, né più né meno, a un testo che parla di motivazione. Non sappiamo se sia vero o inventato da Goldoni, ma se l’autore lo ha inserito, è evidente che si tratta di un tipo di testo che circolava largamente tra coloro che sapevano leggere. Che cosa insegna questo testo? A contrastare i pensieri negativi.

Quand’uno si trova occupato da un pensiere molesto, ha da cercar d’introdurre nella sua mente un pensier contrario. Dice che il nostro cervello è pieno d’infinite cellule, dove stan chiusi e preparati più e diversi pensieri. Che la volontà può aprire e chiudere queste cellule a suo piacere, e che la ragione insegna alla volontà a chiuder questa e ad aprire quell’altra.

Ovvero: quando ci passa della spazzatura nella testa, occorre creare il pensiero esattamente opposto. Nella nostra mente si trovano “infinite cellule, dove stan preparati più e diversi pensieri”. A questo punto ” la volontà può aprire e chiudere queste cellule a suo piacere, e che la ragione insegna alla volontà a chiuder questa e ad aprire quell’altra.”. Ovvero, quando ci passa per la testa qualcosa che ci toglie energia, si può imparare ad allontanare quel tipo di pensiero, rivolgendo la mente ad un altro tipo di dialogo interiore più costruttivo.

A quanto pare, già nel Settecento avevano le idee abbastanza chiare in proposito.

Comprare o non comprare? Valore e prezzo, assoluti e relativi.

Viviamo immersi in un contesto in cui tutto ci spinge a comprare. E’ normale: le aziende puntano a vendere il più possibile, e si badi bene, non c’è niente di scandaloso in questo. Fanno soltanto il loro lavoro, che consiste nel comprendere la psicologia del cliente e muovere le leve giuste affinché acquisti.

Anche nello shopping non c’è assolutamente alcunché di male. Se ci dà piacere l’acquisto di un determinato oggetto, ben venga. L’importante è che quell’acquisto avvenga quando la disponibilità economica ce lo consente, e che in seguito non si creino ristrettezze di mezzi per i bisogni basilari. La domanda cruciale è: quando ce lo consente?

In realtà, la risposta è abbastanza semplice. Le domande che dovremmo sempre farci prima di un acquisto sono essenzialmente due:

  1. Abbiamo davvero bisogno di quel dato oggetto?
  2. Quell’oggetto, per noi, vale più del prezzo a cui lo compreremo?
  3. Se sì, il suo prezzo quanto pesa sul denaro che abbiamo a disposizione in quel dato momento?

Dobbiamo quindi andare oltre l’impulso all’acquisto, per valutare quello che davvero ci serve. Capire quindi, più che il prezzo in sé, il valore dell’oggetto che stiamo per acquistare. E una volta compreso il valore, che potremmo chiamare assoluto, dovremmo considerare il valore relativo ai mezzi che abbiamo a disposizione in quel momento.

Chiaramente, è un gioco che non sempre riesce. Siamo umani, e anche facendoci queste domande potrà capitare di ritrovarci con oggetti che non aggiungono alcun valore alla nostra vita. Nessun problema: il potere della pubblicità è notevole, e dobbiamo sentirci in colpa fino a un certo punto. L’importante è iniziare ad esercitare i nostri muscoli decisionali. Fin dall’inizio, il beneficio sarà notevole.

E’ ora di crescere?

I due lettori che mi seguono con una certa costanza (e li ringrazio per la sopportazione) sanno bene che sono un po’ fissato con il concetto di respons-abilità. Ovvero: il nostro scopo nella vita dovrebbe essere imparare sempre meglio ad essere “capaci di rispondere”. Invece di sprofondare nei problemi, dovremmo vivere cercando soluzioni.

A prima vista sembrerebbe facile. Nei fatti, sembra difficilissimo. E’ infatti palese che viviamo in un’ambiente che non facilita per nulla la presa di responsabilità da parte delle singole persone. La prima cosa che ci viene in mente quando ci troviamo in difficoltà è chiedere qualcosa a qualcuno. Che poi magari troviamo soluzioni anche da noi è un altro paio di maniche, ma il primo pensiero comunque è quello di andare da qualcuno con il cappello in mano.

Forse è ora di abbandonare atteggiamenti di questo tipo. Rendersi conto che. in definitiva, prima di prendere (o di pretendere) dobbiamo dare. Piuttosto che essere parte del problema. dovremmo essere parte della soluzione. Controintuitivo? Certamente. Mediamente, siamo abituati ad avere la pappa scodellata. E ci piace. Il piccolo problema è che in questo modo i nostri muscoli proattivi si atrofizzano. E quando poi. come a volte capita. la pappa scodellata viene a mancare, son dolori.

Dunque? Dunque, quando la pappa scodellata c’è. godiamocela pure. Ma intanto, facciamo dei piccoli passi avanti. Cominciamo ad allenarci- Ogni tanto, soffermiamoci a considerare chi siamo e cosa vogliamo veramente. A immaginare come risolvere quel problemino da soli invece di appoggiarci a qualcun altro. Sono sforzi che alla lunga ripagano parecchio. e migliorano la qualità della vita. nostra e degli altri.

Pensieri sulla Paura e sui Fortini

Ritengo che la Paura di qualcosa spesso faccia più danni della cosa in sè. Mettiamo, ad esempio, che ci sia in giro qualcosa, che ne so, un virus, il terrorismo, la prospettiva di un’invasione aliena… Quel che volete. Cominciano a circolare delle notizie, magari contraddittorie. Può anche capitare, che so, che il governo decida, per prudenza, di chiudere la popolazione in casa per un periodo, mettiamo due mesi.

Metttiamo anche che questa “cosa” effettivamente esista, per carità ci mancherebbe, ma che nessuno, e sottolineo nessuno, abbia veramente idea di come sia fatta, di come funzioni e soprattutto di come affrontarla efficacemente. In scenari come questi, quale sarà mai la strategia migliore? E’ molto probabile che il nostro istinto ci dica che dobbiamo erigere un Fortino.

Sì, esattamente come quelli dei film western, che poi sono la versione moderna delle fortezze medievali. Una struttura chiusa, con delle alte mura e con delle palizzate in alto, dove sono praticate delle feritoie che permettono di sbirciare fuori e, all’occorrenza, infilarci un fucile o altra arma atta alla difesa del Fortino.

Tutto questo serve, almeno nelle intenzioni, a proteggerci. Il concetto è il seguente: se io mi creo un ambiente chiuso, dove nessuno può entrare se non lo invito io, sono protetto e non mi può succedere nulla. Di conseguenza, una volta eretto il Fortino, devo difenderlo dal Nemico. Ovvero, tutto ciò che vuole entrare nel mio Fortino senza essere invitato. O anche, tutto ciò che io penso che voglia entrare senza essere invitato.

A prima vista, la mentalità del Fortino sembra funzionare alla grande. Per un po’, possiamo anche essere convinti che sia la migliore. Se ci pensiamo bene, però, questo rinchiuderci ci porta progressivamente a vivere un po’ come Zio Paperone nel suo deposito. Dormi con un occhio solo con lo spingardino, per paura che arrivi la Banda Bassotti. Come canta il Poeta.

Quindi, come soluzione non sembra particolarmente geniale. Non era quello il tuo obiettivo. Tu volevi sentirti sicuro, ma il risultato è che invece vivi di insicurezza. Non solo. Più ti isoli, più le tue paure aumentano. E più senti la necessità d rinchiuderti nel tuo Fortino. Un enorme cane che si morde la coda, una spirale verso il basso di dimensioni cosmiche.

Purtroppo, o per fortuna, la vita è rischio. Rischio calcolato, progressivo, prudente, certo. Ma pur sempre rischio. Ed è anche un cammino di conoscenza, per allargare la nostra mente e renderci sempre più abili e respons-abili. Sempre più capaci di risolvere problemi e affrontare situazioni. Diversamente, andiamo incontro a quella che si può a buon diritto definire una morte in vita. Più si teme quello che non conosciamo, invece di cercare di conoscerlo, più retrocediamo da esseri umani a bipedi.