Le seccature ci salveranno?

Molta della nostra frustrazione deriva dal fatto che il mondo non è perfetto, e di conseguenza spesso “le cose” vanno “male”, cioè diversamente da come ci piacerebbe che andassero. Molti dei nostri sforzi non raggiungono l’obiettivo, o quanto meno l’obiettivo che ci eravamo prefissi.

Il Principio di Pareto è ineludibile: l’80% dei nostri risultati deriva dal 20% delle azioni che mettiamo in opera. Ne deriva che più azioni mettiamo in campo, più ci avviciniamo al nostro obiettivo, anche se a momenti sembra di vagare nella nebbia, perché i pezzi del puzzle ci sono, ma sono ancora scompagnati.

Quando si ha questa impressione di “vagare nella nebbia” ci pare che la vita sia fatta di seccature, ovvero di aspetti e avvenimenti che non incontrano il nostro gusto. Il piccolo problema è che più facciamo resistenza a quelle che chiamiamo “seccature”, più queste hanno la strana tendenza ad aumentare di dimensione e di numero.

Eh già, perché questi avvenimenti hanno una funzione ben precisa, quella di servirci come esperienze di apprendimento. Ovvero, sono lì per insegnarci qualcosa. E il bello è che finché quel qualcosa non lo avremo imparato, tenderemo a ritrovarci ripetutamente “seccature” dello stesso tipo.

Se invece accetteremo di “amare” le seccature, cioè di imparare qualcosa da esse, succederà qualcosa di molto interessante. Diventeremo più abili a gestirle, e in generale a gestire la nostra vita. Ci sentiremo molto più sicuri del fatto nostro… e pronti a gestire seccature più complesse, che a loro volta ci insegneranno qualcosa di ancora più interessante.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.