Ricordare…

Quando vengono a mancare le cose, e soprattutto le persone, resta comunque una delle più belle caratteristiche della mente umana: la capacità di ricordare. Il ricordo, se vissuto nel modo giusto, ci dà forza, perché ci ricorda che determinate situazioni – e parlo di quelle piene di gioia – ci sono state e dunque sono (ancora) possibili, anche quando la situazione attuale ci inviterebbe alla disperazione.

Qualcuno potrà dire: ma io parlo di chi DEVE perdere tutto per colpa altrui.

Parliamo per esempio di una situazione molto particolare – una a caso: quella di essere profughi perché qualcuno ha invaso il tuo paese, e sei rimasto privo del tuo mondo, della tua casa, delle persone che ami. Ebbene, in questi frangenti a mio parere occorre di più ritrovare il più possibile la propria identità attraverso i ricordi, dando meno possibile spazio alla disperazione.

La guerra di qualsiasi tipo, tra le altre cose, tende a distruggere la nostra anima, a negarci come persone. Uno dei modi di vincere la guerra è stare al gioco il meno possibile. Preservare il proprio corpo, e la nostra identità. Semplice? Per nulla. Però mio nonno mi diceva sempre che costava la stessa fatica farsi schiacciare dalla guerra o provare a rimanere in piedi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.