Guarire il passato

Non so se succede anche a voi, ma quando mi sento un po’ “scarico” trovo molto utile andare alla ricerca delle cause delle emozioni che mi sottraggono energie. Di solito, infatti, le emozioni sono legate a momenti ben precisi, da cui traggono origine.

Spesso quindi, quando provo delle emozioni non esattamente costruttive, provo a domandarmi quand’è stata l’ultima volta che ho provato quello specifico stato d’animo. Ne emerge praticamente subito un’episodio del passato.

Ed ecco un’aspetto curioso: almeno per me, sembra più facile manipolare il passato che non il presente. Proviamo a calarci nella situazione, e consideriamone i vari aspetti. Dove siamo? L’immagine che vediamo è in bianco e nero o a colori? Ci sono dei suoni? Quali? Ci sono delle sensazioni olfattive o tattili, odori, sapori? E via discorrendo.

Ora, si tratta di modificare queste caratteristiche, usando l’immaginazione. Ciascuno di noi ha un senso dominante: chi l’udito, chi la vista, chi il sistema olfatto-tatto-gusto, detto anche il complesso cinestesico. Se non sappiamo già quale sia, proviamo a giocare con gli aspetti visivi, uditivi e cinestesici della situazione che visualizziamo. Ad esempio, passiamo dal colore al bianco e nero, abbassiamo il volume, diminuiamo il livello di odori, sapori e sensazioni tattili.

Sono pronto a scommettere che dopo questo trattamento la situazione recuperata dal passato avrà perso molta di quella che potremmo chiamare la sua… carica ossessiva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.