Il posto giusto dove mettere i guai

Spesso succede che ci si accatastino addosso quantità industriali di guai, piccoli e grandi,  di opinioni e convinzioni depotenzianti che sommandosi possono arrivare a farci sentire un tantinello disorientati. Altrettanto spesso si pensa,  chissà perché, che le tecniche di motivazione e crescita personale debbano per forza essere complicate. 

La mia esperienza mi suggerisce invece che le cose semplici sono le migliori. Anche perché gli obiettivi migliori sono quelli che ci impegnano un po’, ma non troppo. In questa occasione, ho il piacere di condividere con voi una piccola metafora che personalmente sto trovando molto utile, e spero che lo sia anche per voi. 

Immaginiamo quindi di creare una sorta di contenitore al disopra della nostra testa,  tipo a un metro o due di distanza. La cosa importante è che lo percepiamo al di fuori  della nostra vita. Fatto? Bene. Ora, prendiamo tutta la matassa dei nostri guai e…spostiamoli lì dentro.

Semplice? Decisamente. Banale? Certo. Eppure, vi posso garantire che, almeno per quanto mi riguarda, l’effetto è notevole. Il fatto stesso di spostare i guai fuori dalla nostra consapevolezza agisce come una specie di balsamo, che libera le nostre energie consentendoci di vedere il tutto da una prospettiva diversa, portandoci in un certo qual modo all’esterno delle nostre beghe quotidiane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.