Sbloggarsi…

Questa citazione è tratta dal libro di John Gray, Come avere quello che vuoi e volere quello che hai. Si tratta di uno di quei libri che compri, magari rimane su un tavolo per un tempo indefinito, e poi riprendi in mano scoprendo che si tratta di un vero e proprio tesoro. Magari prima o poi ci scriverò sopra una recensione. Adesso però vorrei concentrarmi su questa citazione.

In genere, scrivo quando ho un’idea. Avere un’idea significa che un concetto comincia a bussare con insistenza alle porte della tua mente. E questa è la creatività che viene da dentro, spontanea, ed è un po’ come il Natale, che quando arriva arriva. E’ anche vero però che non sempre si può aspettare l’ispirazione.

Ad esempio, nel mio lavoro di giornalista è necessario “stare nei tempi”. Ovvero: il servizio deve essere montato ad un’ora ben precisa, e deve durare un tot, in genere dal minuto e mezzo ai due minuti. Di conseguenza, la creatività deve essere adeguatamente stimolata, in modo da avere ben chiaro quanto prima il testo, le porzioni di intervista che vuoi inserire, e un”idea delle immagini da utilizzare.

Quindi, ti organizzi e cerchi di accelerare un po’ il processo. Ad esempio, già quando ti viene assegnato il tema del servizio cerchi di farti un’idea della struttura del prodotto finale. Magari abbozzi il testo. Quando sei sul posto, riprese ed interviste sono già mirate. Si mette insomma in moto un processo che stimola molto la creatività. La scadenza impellente aiuta a concentrare le risorse, dando come risultato una produttività che dal di fuori può sembrare quasi prodigiosa.

Ho imparato ad usare un metodo simile anche per gli articoli questo blog. In questo caso non si tratta di lavoro, dal momento che non lo monetizzo. Si tratta in realtà di una sorta di diario, dove annoto degli spunti che poi, se mi sembrano utili anche a qualcun altro, rendo pubblici. Una sorta di palestra che serve principalmente a me per “solidificare” alcuni concetti mettendoli in parole.

Anche qui, però, a un certo punto ho dovuto darmi un minimo di metodo. Infatti, se dovessi aspettare l’ispirazione, l’idea compiuta, il blog rimarrebbe derelitto e abbandonato per periodi anche molto lunghi. Di conseguenza, mi sono posto l’obiettivo di smanacciarlo tutti i giorni. Quando metto solamente un titolo, quando invece scrivo qualche riga. Di tanto in tanto, poi, esprimo l’intenzione di concludere un post.

Naturalmente, non è detto che questa intenzione giunga a compimento. Quello che conta è che io abbia fatto, tanto per cambiare, un passo avanti. Spesso, da queste decisioni scaturiscono risultati interessanti. Per fare questo passo avanti, però, come scrive Gray, occorre non porsi il problema se siamo o meno in grado di scrivere qualcosa che abbia un senso. Questo, come dice il poeta, lo scopriremo solo vivendo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.