Falla semplice

Molto spesso la strada migliore da seguire è quella più semplice.  A volte ci sembra invece che il mondo sia strutturato per rendere le cose complicatissime. Te lo dico subito: in parte è una nostra impressione, e in parte è proprio così.

Ci sono in giro persone il cui scopo nella vita è rendere complicato qualcosa. Ad esempio: ti sei mai misurato con le leggi e la burocrazia? Per qualunque iniziativa tu voglia portare avanti, ci sono moduli da compilare, documenti da mettere insieme e – soprattutto – leggi regolamenti e circolari da conoscere.

Questo ovunque, in qualunque parte del mondo e in qualunque epoca. Tanto che è complicatissimo fare da sè, e bisogna rivolgersi a dei consulenti, dal momento che all’ufficio a cui ti rivolgi per fare istanza  “non compete” darti una mano.

Come mai funziona così? Ebbene: immagina se per un caso del destino si decidesse di fare leggi semplici e chiare, e si imponesse ai funzionari degli uffici di dare la necessaria assistenza agli utenti. Sarebbe il finimondo: sparirebbero una marea di posti di lavoro. E non sarebbe bello, non trovi?

Quindi, il mondo è sicuramente un posto complicato. Poi, però, ci siamo noi. Ed effettivamente, facciamo la nostra parte per complicarlo ancora di più. La nostra mente genera a sua volta, in continuazione, leggi regolamenti e circolari non dissimili da quelle che troviamo nel mondo esterno. Dentro noi non c’è meno burocrazia che fuori. Ci mettiamo un sacco di regole, molte delle quali sono assurde esattamente come quelle che ci disturbano quando compiliamo la dichiarazione dei redditi.

Orbene: non possiamo cambiare il mondo esterno, perlomeno non in un istante. Ma, sempre nello stesso istante, possiamo cambiare noi. Cerchiamo di capire che per essere felici non occorre che tutto vada “bene” (cioè, ricordiamolo sempre, come vogliamo noi, come ci piace). Serve “farla semplice”, cioè essere felici a prescindere, sapendo che, se una strada non ci porta al nostro obiettivo, possiamo sempre trovarne un’altra meno complicata. A volte, capita anche che arriviamo alla conclusione che dopotutto quell’obiettivo non era poi così fondamentale.

Un bel risparmio di energie, non trovate?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.