Attaccamento

Sono sempre più convinto che l’attaccamento eccessivo sia una delle emozioni più deleterie in assoluto. Se ti attacchi a una cosa, a una persona, a un risultato, è come se tu decidessi che sarai felice se e solo se le cose andranno esattamente come vuoi. Il che potrebbe accadere come no.

Ma allora, potrà dire qualcuno, non bisogna mai desiderare niente? Bisogna per caso rinunciare a qualsiasi sogno? Assolutamente no. Sognare e progettare, porsi degli obiettivi, fa semplicemente parte della natura umana. Quindi, da questo punto di vista, no problem.

Il problema semmai sorge al momento in cui mi attacco troppo al risultato che vorrei raggiungere. Dalla gioia della possibilità di avere successo si passa al terrore di non raggiungerlo. Il che è abbastanza bizzarro, dal momento che proprio la gioia dovrebbe essere lo scopo ultimo della nostra vita.

Quando un obiettivo ostacola la nostra gioia, generalmente vuol dire che nei confronti di quell’obiettivo si è sviluppato un attaccamento. Non necessariamente dobbiamo accantonarlo. Magari, però, per raggiungerlo serve sviluppare delle capacità o acquisire dell informazioni. Insomma, si tratta come spesso succede di suddividere l’obiettivo in segmenti più gestibili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.