Voglia di denigrare e invidia costruttiva

Chi non concede alla sua anima di esprimere  ciò che è venuta ad esprimere, finisce sempre per odiare prima sé stesso e poi gli altri.  (Salvatore Brizzi, La via della ricchezza)

 

Esiste una forma di invidia costruttiva. E’ quella che, invece di farti sperare che gli altri perdano quello che tu pensi di non poter avere, ti spinge a migliorarti e acquisire le conoscenze che ti servono per avere la stessa cosa. Esiste poi l’invidia distruttiva, quella che ci porta a roderci dentro per quello che qualcun’altro ha, e noi no, e, cosa anche peggiore, pensiamo di non poter avere mai.

Ci troviamo ad augurare alle persone ogni male possibile, in modo che diventino sfigati come noi, e noi possiamo sentirci più normali. Insomma, visto che non possiamo migliorare noi, facciamo in modo che peggiorino gli altri. Costa certamente meno che sforzarci per andare oltre la nostra zona di confort.

Ma da dove nasce questo atteggiamento? Generalmente, tutto comincia quando, per vari motivi, rinunciamo a noi stessi. Intendo, quando cominciamo a permettere che le banalità quotidiane ci impediscano di fare quello che veramente ci piace. Ma non è neanche questo il vero danno. Il vero danno è quando siamo talmente presi dal brusio di fondo degli affanni quotidiani che dimentichiamo quello che veramente vogliamo fare.

Insomma, se ci appassiona dipingere, assolutamente nulla ci vieterebbe di trovare un’ora al giorno per farlo, giusto? In realtà, spesso veniamo talmente presi dalle nostre faccende che prima ricordiamo di dover dipingere ma non troviamo il tempo, poi, a forza di non riuscire a trovare il tempo, dimentichiamo proprio che volevamo trovare il tempo per dipingere.

Lo dimentichiamo a livello cosciente. Ma, ovviamente, a non dimenticare è il qualcosa dentro di noi che qualcuno chiama anima, qualcun’altro subcosciente, insomma la nostra essenza. Che ci comunica un senso di insoddisfazione. Noi, ormai abbiamo dimenticato quello che volevamo fare, e non sappiamo perché questa insoddisfazione si fa sentire. Siccome però per nostra natura dobbiamo sempre trovare una ragione a tutto, ecco che la nostra mente trova un colpevole: gli altri.

Se non realizziamo quello che realmente vogliamo, non è colpa nostra, è sempre colpa di qualcun’altro. E dal momento che non possiamo realizzare quello che vogliamo (o pensiamo di non poterlo realizzare) ecco che troviamo più pratico denigrare quello che fanno gli altri. Invece, magari, di ammirarli per quello che fanno e farci venir voglia di un po’ di emulazione positiva.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.