L’arte di sospendere il giudizio

Troppo spesso ci ritroviamo a giudicare a sproposito. Questo vale in particolare, secondo me, quando viviamo situazioni particolarmente complesse. Non riusciamo a mettere in ordine le sfide che stiamo affrontando, il  nostro cerrvello comincia a elaborare un gran numero di possibili scenari, cercando di determinare come andrà a finire la faccenda.

Il che non è un male, in sè. La pianificazione e l’elaborazione di scenari possibili è molto importante. Il problema sorge quando questi scenari diventano catastrofici. Ci avete fatto caso? Siamo molto abili a pensare che le cose andranno “male” (cioè, diversamente da come piace a noi). Ma anche questo non sarebbe un problema. Il punto è che davanti a questi scenari catastrofici tendiamo a sentirci disperati. Ovvero, privi di speranza, anziché respons-abili, cioè capaci di rispondere.

Certo è comodo. Se la catastrofe incombe su di noi, e noi non possiamo farci nulla, mica è colpa nostra. Sarà colpa del destino, o di qualcun altro. Cosa c’entriamo noi?

Il punto è che molto spesso basta credere di poter fare qualcosa perché ci si avvi verso la soluzione del problema. Tuttavia, è difficile crederci perché ce lo impedisce il giudizio che diamo della situazione.  Quando spendiamo il giudizio, rinunciando alla nostra opinione, lasciamo che siano possibili altri esiti. E potremmo rimanere meravigliati dalla quantità di energia, di gioia  che si sprigiona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.