La cultura del lamento

faccina_tristeSpesso e volentieri indulgiamo nella cultura del lamento, ovvero cominciamo a lamentarci di tutto. Ci pensavo giusto l’altro giorno in autobus. Sarà perché ultimamente cerco di alzare la mia vibrazione che, per contrasto, noto di più quando le persone, conversando, si focalizzano come spesso succede su cose che non vanno. L’autista andava troppo piano/troppo forte. Faceva troppo freddo/troppo caldo. Non si arriva a fine mese. E via di questo passo.

Come mai facciamo ciò?. Perché è dannatamente comodo. Ci solleva dalle nostre responsabilità. Se il problema sono sempre “gli altri” o “il mondo”, io sono a posto. Non importa che faccia alcunché. Posso tranquillamente sprofondare nella mia inerzia.

Qualcuno potrebbe dire: ma alla fine mica posso cambiare il mondo. Certo che no. Però possiamo cambiare noi stessi. Prenderci quel minimo di responsabilità sulle cose che possiamo controllare. Difficile? Probabilmente.  Ma essere vivi comporta spesso fare cose complesse.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...